Notizie Notizie

I rifiuti la situazione pugliese

I rifiuti la situazione pugliese
L’esperto Massimiliano Piscitelli ci parla delle evoluzioni in atto.


La questione dei rifiuti solidi urbani,  è tra i problemi più importanti per la gestione delle nostre città.  Ne abbiamo parlato con Massimiliano Piscitelli , Ingegnere e dottore di ricerca in ingegneria per l'ambiente,esperto in questo settore,membro di Legambiente. “Attualmente in molti comuni pugliesi la raccolta dei rifiuti è organizzata con contenitori stradali. La raccolta differenziata è di tipo aggiuntivo e facoltativo. Questo comporta –ha esordito  Massimiliano Piscitelli- un incremento dei costi dovuto alla duplicazione delle attività di raccolta e il raggiungimento di scarsi risultati ormai non più accettabili e contrari alla legge.” Per quanto riguarda, in che modo è possibile migliorare la situazione,l’Ingegnere ha le idee chiare: “I sistemi di raccolta differenziata che consentono il raggiungimento degli obiettivi di legge sono quelli di tipo domiciliare spinto, così detti porta a porta. In tal caso, l'utente è obbligato a effettuare la raccolta differenziata che non è più un servizio aggiunto rispetto alla raccolta dell'indifferenziato, ma è un servizio perfettamente integrato i cui costi, leggermente superiori ai modelli stradali, sono legati principalmente all'incremento della qualità del servizio che prevede il ritiro a domicilio dei riifuti. Non è più il cittadino che raggiunge il contenitore per conferire i propri rifiuti, bensì l'operatore che raggiunge il cittadino per la raccolta. Il tutto con evidenti miglioramenti per il decoro, l'igiene e la pulizia urbana. Scompaiono i cassonetti e con loro, lo sporco e i cattivi odori. Si restituisce spazio urbano al cittadino e a funzioni di maggior pregio.Tutto questo consente di raggiungere livelli di raccolta differenziata superiori al 65% (obiettivo di legge), così come accaduto a Andria (100.000 abitanti) e in altri comuni pugliesi (San Ferdinando di Puglia, Rutigliano, Mola di Bari ecc).” Un aspetto utile è la comunicazione che le amministrazioni e le aziende municipalizzate o addette alla raccolta dei rifiuti urbani devono avere con i cittadini e le  idee del tenico ambientale sono chiare:”  La comunicazione con i cittadini è un tassello chiave-ha continuato Massimiliano Piscitelli- per l'implementazione di una corretta strategia di gestione dei cittadini. E' necessario implementare opportune strategie di comunicazione in cui prevedere un rapporto bidirezionale. Il cittadino, infatti, non deve solo essere informato delle scelte ma deve partecipare alla definizione delle scelte. Non si può prendere delle decisioni prescindendo dal soggetto che produce i rifiuti e che deve fruire del servizio di raccolta. Scelte imposte non possono che incontrare forte resistenza e sono destinate a patire un grande rischio di insuccesso.” Per quanto riguarda la situazione generale della pinificazione regionale l’ingegnere Massimiliano Piscitelli ha le idee chiare: ” Lo stato di attuazione della pianificazione regionale in materia di gestione di Rsu (Rifiuti Solidi Urbani) risulta assolutamente parziale. Insufficiente nella provincia Bat, dove non esiste un solo impianto di compostaggio nè un solo impianto di pretrattamento del rifiuto residuo da smaltire in discarica. Riteniamo urgente implementare un sistema impiantistico integrato che consenta di recuperare i rifiuti recuperabili e pretrattare quelli residui per ridurne la pericolosità prima dello smaltimento in discarica. Tale obiettivo non è più derogabile.” Infine, sulla raccolta intelligente dei rifiuti conclude Massimiliano Piscitelli : “Deve assumere un ruolo chiave nella strategia di gestione dei rifiuti a livello globale. Prevenire la produzione di rifiuti significa ripensare il modello economico e produttivo attuale basato sui consumi, sull'usa e getta, sull'obsolescenza programmata e sui beni di consumo.”

Tante feste per l'albero

Tante feste per l’albero
Piantumazioni itineranti nella nostra città.

Quest’anno la Legambiente, circolo Angelo Vassallo ha organizzato una festa dell’albero itinerante nella nostra città, che si sta articolando in diversi eventi  a Corato. “ Stiamo coinvolgendo tutte le realtà sociali dalle parrocchie alle scuole, passando per associazioni e gruppi. Stiamo attivando gran parte della società civile della nostra città-ha dichiarato il presidente del circolo di Legambiente Beppe De Leo- con un grandissimo riscontro”.

Leggi tutto...

Tre incontri pubblici su Don Tonino Bello

 
 

TRE INCONTRI PUBBLICI SU DON TONINO BELLO
A vent’anni dalla scomparsa

A vent'anni dalla scomparsa, Don Tonino Bello, indimenticato vescovo pugliese, "della stola e del grembiule" verrà ricordato in un percorso di tre incontri tematici per ricordare nei tratti salienti la figura e l'opera del pastore, impegnato, tra l’altro, per una cultura sociale, cristiana ed ecologica, per i diritti umani, la giustizia e la solidarietà internazionale, per costruire ponti e non muri tra le persone e i popoli Insieme per diffondere una vera cultura di pace. Monsignor Tonino Bello, ordinato vescovo il 30 ottobre 1982, fece il suo ingresso nella diocesi di Molfetta – Ruvo – Giovinazzo – Terlizzi il 21 novembre dello stesso anno, fino alla sua morte del 20 aprile 1993.

Leggi tutto...

Il 21 Novembre Giornata nazionale degli alberi

 

Il 21 Novembre Giornata nazionale degli alberi

 

Importanti novità legislative introdotte con la L. 10/2013 tra cui il Bilancio Arboreo di Mandato

 

A Corato in tema di verde urbano restano aperte alcune questioni:

I cipressi del Viale del Cimitero e Piazza Vittorio Emanuele

 

Molti non lo sanno ….. Lo scorso primo febbraio è entrata in vigore  la  legge del 14 gennaio 2013, n. 10 (GU n.27 del 1-2-2013) riguardante Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani. In particolare la legge ha istituito la giornata nazionale degli alberi, il catasto del verde urbano ed una disciplina specifica per la tutela degli alberi monumentali e le vie alberate urbane.

 

Leggi tutto...

Diventa socio

 

Diventa socio
Campagna tesseramento 2013
 
Il volontariato è una delle più significative componenti della vita sociale, e nasce dalla spontanea volontà dei cittadini di far fronte a eventi tragici, problemi non risolti, non affrontati, mal gestiti. 
Rappresenta un "modello fondament
ale dell'azione positiva e responsabile dell'individuo”, "l'espressione più immediata della vocazione sociale dell'uomo”. Esso è, in altre parole, "la più diretta realizzazione del principio di solidarietà sociale, per il quale la persona è chiamata ad agire non per calcolo utilitaristico o per imposizione di un'autorità, ma per libera e spontanea espressione della profonda socialità che caratterizza la persona stessa".
Se anche tu pensi di poter dare il tuo contributo...
 
Chi vuole può venirci a trovare anche nella nostra sede ogni martedì e venerdì dalle ore 20,30 alle 21,30  in Via Santorno,11 (nei pressi dell'ITC Tannoia oppure sulla nostra pagina su Facebook cercando Legambiente corato)

Informazioni aggiuntive