Il TTIP alcune osservazioni tra silenzi e realtà





 

Per descrivere in breve cosa si nasconde dietro il trattato di libero scambio anche detto in breve TTIP, bisogna chiarire alcuni punti fondamentali: il trattato mira ad eliminare tutti i dazi;  il vantaggio e' che si potrebbe incrementare il lavoro con il conseguente aumento del PIL nazionale e l’ introduzione degli OGM(Organismi Geneticamente Modificati) in agricoltura.

Cominciamo con il primo punto, l'eliminazione dei dazi è un fatto positivo, peccato però che sono proprio gli Stati Uniti a porre tanti vincoli alle merci che importano dall'Europa. Basti pensare che le aziende europee che vogliono, per esempio, esportare le automobili, devono apportare tante di quelle modifiche, che risulta non conveniente l'esportazione. Basta vedere la trasmissione di Report di domenica 19/10/14. Se il progetto avrà successo, sarà la più grande area di libero scambio della storia umana, in grado di coprire oltre il 46% del PIL mondiale, che aumenterebbe al 51,3% se si estende a tutti i membri della North American Free Trade Agreement (NAFTA) e ai membri dell'Associazione europea di libero scambio (AELE). Questo piano è, talvolta, proposto come il primo passo verso la creazione di un'unione transatlantica realizzando l'unità economica del mondo occidentale.


I promotori sostengono che l'accordo porterà alla crescita economica per i Paesi aderenti, mentre i critici asseriscono che questo aumenterà il potere delle multinazionali e renderà più difficile ai governi il controllo dei mercati per ridistribuire nel modo più omogeneo possibile il benessere socioeconomico collettivo. Il governo statunitense considera il TTIP come un accordo che accompagna un altro trattato proposto, conosciuto come Trans-Pacific Partnership. Dopo la divulgazione di una bozza della proposta nel marzo 2014, la Commissione europea ha lanciato delle pubbliche consultazioni su una serie limitata di clausole.  Tuttavia, i rischi socio-economici e ambientali associati a tali benefici economici banali potrebbero essere catastrofiche. L'aumento della concorrenza associato con la liberalizzazione degli scambi tra l'UE e gli Stati Uniti potrebbe innescare una ristrutturazione economica che potrebbe anche portare alla perdita di posti di lavoro. La competizione ha aggiunto tra i settori europei e degli Stati Uniti potrebbe aumentare ulteriormente il divario tra il centro e la periferia in Europa, come principali interessi di esportazione offensivi degli USA si trovano proprio in quei settori in cui la periferia europea ha interessi difensivi, come l'agricoltura che impegna gran parte delle risorse economiche del Parlamento Europeo. Inoltre, in una serie di settori di intervento, le leggi e i regolamenti degli Stati Uniti offrono una protezione minore che in Europa. La proposta di armonizzazione della legislazione tra l'Unione europea e gli Stati Uniti significa che il livello di protezione dei consumatori in Europa potrebbe essere notevolmente compromessa, ad esempio, nelle aree di accesso al mercato per gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM), carni trattate con ormoni e polli disinfettati con il cloro. Di conseguenza, una politica agricola sostenibile potrebbe ulteriormente scomparire dalla vista, l'Europa dovrebbe essere costretto ad aprire i suoi mercati ai prodotti americani che non sono soggetti alle norme più rigorose in materia di benessere degli animali, o di regole per l'utilizzo di pesticidi agricoli nocivi a cui produttori europei sono legati. Il regolamento finanziario statunitense, attualmente è più severo rispetto a quella dell'UE, ma potrebbe essere compromesso, come le grandi banche sperano di utilizzare i negoziati commerciali per minare gli sforzi di post-crisi per introdurre norme finanziarie più rigorose. In un momento in cui anche il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca mondiale hanno cominciato a riconoscere che i controlli sui fondi rappresentano un modo utile per prevenire e fermare la fuga di capitali speculativi e destabilizzante, il TTIP propone la liberalizzazione e la deregolamentazione di tutti i settori dei servizi, tra cui servizi finanziari, con il rischio di incoraggiare, piuttosto che prevenire, un'altra crisi finanziaria internazionale puntando su una deregulation. Attraverso la profonda ristrutturazione dei rapporti sociali intrinsecamente implicato nell'ambito del partenariato commerciale proposto, il TTIP sta a rappresentare una vera e propria minaccia per i diritti civili e le basi d'Europa modello sociale. Considerando che le aziende USA godono accesso virtualmente illimitato ai dati personali dei cittadini, in Europa un certo grado di protezione della privacy è ancora garantita dalla legge. Il TTIP, tuttavia, potrebbe cambiare questo se i negoziati dovevano includere i controversi diritti della proprietà intellettuale.
Gli sforzi precedenti per minare la legge europea sulla privacy attraverso l'Accordo commerciale anticontraffazione è stata combattuta con successo nel Parlamento europeo. Tuttavia, come il TTIP si sta negoziando dietro porte chiuse, e fuori del controllo parlamentare, vi è un serio rischio che questa volta i cittadini non potranno proteggere i propri diritti civili. La forte tutela della protezione brevettuale per i prodotti farmaceutici sotto il TTIP potrebbe potenzialmente ridurre l'accesso ai farmaci generici salvavita (attualmente il mercato europeo è in continua crescita settore industriale). Inoltre, con il proposito dell’armonizzazione delle norme e dei regolamenti tra l'UE e gli Stati Uniti (che includerebbe il 'mutuo riconoscimento' di ogni altro quadro normativo vigente “come pari”), la commercializzazione di enti e servizi pubblici potrebbe essere ulteriormente incoraggiata, quindi, aumentando i costi sanitari per i pazienti europei. L'armonizzazione delle regole e la regolamentazione potrebbe anche l’impatto gravemente sui diritti del lavoro e sindacali, come il diritto di libera associazione e la contrattazione collettiva negli Stati Uniti è molto più debole che in Europa. Qualora i negoziati trovassero un accordo sul TTIP, in futuro potremmo vedere l’Europa dei lavoratori con quella degli Stati Uniti competere contro l'un l'altro e inferiori in un disperato tentativo di attirare gli investimenti privati. Un fallimento in tal senso potrebbe vedere le imprese europee di trasferirsi al Stati Uniti, dove godrebbero un minor numero di obblighi nei confronti dei loro lavoratori.


Questi i fatti.


Alla faccia dell'esultanza di Confindustria nella riunione dove era presente il nostro premier Matteo Renzi.
In questo trattato, gli Stati Uniti vogliono anche far rientrare anche l'aumento del esportazioni di petrolio americano, solo che questo viene estratto dalle sabbie bituminose canadesi, ma il problema è questo petrolio è il più inquinante, il vantaggio è che costa meno rispetto a quello arabo o russo.


Vandana Shiva  è una ambientalista,  ha trascorso quarant'anni a studiare l'ecologia in fattorie e foreste indiane, in stretta relazione con la natura e i saggi contadini indiani, acquisendo esperienze sull'agrecologia e biodiversita'. “Il Ttip-ha dichiarato l’ambientalista ad un giornale italiano- è un trattato sul libero commercio che dice subito nel preambolo che è un’iniezione al Wto. E cosa ci ha dato il Wto? Ci ha dato la brevettibilità dei semi, la possibilità di imporre royalties sulle sementi, e i suicidi dei contadini indiani. Ci ha dato l’imposizione quasi da bulli di un sistema che ha completamente distrutto le fonti di sostentamento degli agricoltori-ha rimarcato l’attivista ambientalista- e ci ha dato cibo non sicuro. E il Ttip ci darà tutto questo, attraverso tre meccanismi. Il primo è l’eliminazione del principio di precauzione; il secondo sta nel rafforzamento delle leggi sulla proprietà intellettuale fatto in modo da supportare la Monsanto e indebolire gli agricoltori. E il terzo asse portante è l’istituzione di tribunali sovranazionali, diversi da quelli degli Stati, a cui le imprese potranno rivolgersi se le leggi nazionali non rispettano i loro diktat. Questo significherà istituire un vero e proprio potere delle multinazionali che potranno attentare ai diritti stabiliti nelle costituzioni nazionali. Costituzioni nate dall’impegno dei popoli in secoli di battaglie per la conquista delle libertà individuali. Quindi-ha concluso Vandana Shiva - quello che porterà il Ttip è la fine della democrazia, la fine della sicurezza alimentare e la fine della possibilità per tutti noi di costruirci una vita dignitosa.”

Auspichiamo che l’amministrazione e il consiglio comunale prenda atto di questo processo e attui strumenti di tutela delle nostre produzioni agricole tipiche.

Ritorneremo su questa tematica per promuovere e sensibilizzare su questo argomento.

Informazioni aggiuntive