Di nuovo su piazza Di Vagno



Situazione di piazza Di Vagno a Corato


Di nuovo su piazza Di Vagno

Legambiente da tre anni sulla questione tra dubbi ed incognite.

In questi anni Legambiente si è confrontata su diverse questioni e problematiche tanto da sembrare ossessionati da soluzioni o dal ricercare le risposte che i comuni cittadini meriterebbero di avere, specie quando un gruppo di essi, legalmente costituito chiede e richiede utilizzando le prassi istituzionali, adoperando gli strumenti che la Legge mette a disposizione, per chi tutela gli interessi pubblici e diffusi.

 

Ma ci sono istituzioni che provano a non informare i cittadini dei provvedimenti presi dall’ente preposto. Andiamo ai fatti: da almeno tre anni il circolo di Legambiente sta cercando di vederci chiaro sulla situazione della piazza Di Vagno, tra i silenzi ma anche una forma di apatia e disinteresse della stessa cittadinanza. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: l’opera risulta incompleta ad oggi. Andiamo con ordine. Nel progetto iniziale erano previsti un manufatto sul lato destro della piazza ed una quinta metallica sullo sfondo con alcuni resti dell’antico Palazzo Ducale crollato nella stessa area nel 1922 al posto del murales di Gomez come possiamo vedere oggi, ma in corso d’opera il progetto è stato revisionato, dovuto all’indagine archeologica e dei ritrovamenti, e di una forma di vincolo della Sovrintendenza. Qui scatta l’arcano: nonostante le istanze e le richieste di indagine archeologica, dell’idea di un evento per un incontro pubblico per far conoscere ciò che è stato rinvenuto nel corso dello scavo anche questa istanza protocollata al comune e consegnata nelle mani del dirigente della Soprintendenza alla presenza di una nostra delegazione; siamo stati l’unica associazione invitata alla visita della stessa indagine archeologica è stata guarda caso Legambiente, non solo di una formale – e protocollata- istanza di copia del vincolo archeologico dell’area. Si tutto tace, con una piazza parzialmente chiusa, ora almeno possiamo avere una visuale degli spazi della piazza, cosa che avevamo evidenziato già ad inizio lavori di realizzare un cantiere “a vista”; tutto questo nonostante: lettere, istanze, missive, comunicati stampa, email, ed incontri con amministrazione, tecnici, Soprintendenza e Ministero dei Beni Culturali. Questo abbiamo fatto in tre anni. Sembra di impattare contro un muro di gomma dove davanti a frasi e disponibilità di prammatica, si tende a rispondere se proprio si è costretti o dopo l’ennesimo comunicato stampa. Questo nostro approccio non è una nostra forma di testardaggine o di ostinazione, ma è quella di vederci il più possibile chiaro, costruire un dialogo istituzionale per quello che è possibile, vista la somma impegnata circa un milione e mezzo di euro, il danno economico avuto dalle attività commerciali presenti nell’area dovuto alle pesanti limitazioni per la presenza di un cantiere che prendeva tutta l’area anche per il rifacimento di una parte del basolato di tutta via San Benedetto. Ci siamo fatti carico delle esigenze dei cittadini e degli stessi commercianti che, ci risulta, hanno sollecitato i consiglieri comunali e gli amministratori, ma come abbiamo detto: i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Auspichiamo che quanto prima si possa tenere una conferenza pubblica sullo studio dei ritrovamenti archeologici, è indispensabile che vada fatta, prima possibile e non in prossimità delle elezioni. Sicuramente vigileremo sperando che la piazza torni, quanto prima, ad essere utilizzabile da parte della popolazione rispettando la propria storia ed identità.

Informazioni aggiuntive