La cultura dei saperi: un’opportunità per nuove occasioni di sviluppo

  • Stampa




La cultura dei saperi: un’opportunità per nuove occasioni di sviluppo

 

 

Un evento di aggiornamento per i giornalisti e i docenti con il magnifico rettore dell’Università di Bari prof. Antonio Felice Uricchio presso l’Istituto di Scienze Religiose di Trani.

Questa volta si parlerà il prossimo 7 novembre dalle ore 17,30 presso la biblioteca dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di come la cultura e la ricerca avanzata insieme all’informazione possono generare nuovi processi sociali che possono innovare la società che nelle sue dinamiche diventa ogni giorno più performante e chiede risposte immediate in cui tutte le realtà sono coinvolte. Per questo motivo all’interno di un articolato percorso di aggiornamento con una serie di seminari accreditati con vari ed eminenti relatori, l’Ufficio Cultura e Comunicazione Sociale dell’Arcidiocesi di Trani- Barletta- Bisceglie Nazaret ha organizzato un seminario con la partecipazione del Magnifico Rettore dell'Università di Bari prof. Antonio Felice Uricchio, moderato da Giuseppe Faretra, giornalista e membro dell’Ufficio Cultura Comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi, sul tema: " La formazione avanzata nella società globalizzata: il ruolo della comunicazione e dell'informazione nella costruzione dei saperi". Le trasformazioni del mondo contemporaneo sono determinate da vari fattori, molti dei quali simultanei tra cui la mondializzazione dell’economia, la libera circolazione dei capitali, dei beni e dei servizi, l’incontro del mondo scientifico- culturale e tecnologico. Dagli anni Sessanta-Settanta del Novecento, il passaggio dall’industria meccanica all’informatica ad una graduale crescita di un nuovo sviluppo del terziario avanzato incentrato sull’elettronica e alla moderna industria della telecomunicazione con un ulteriore avanzamento verso forme integrate di multimedialità, induce una trasformazione della società e della cultura, comportando nuove forme di lavoro, del modo di vivere e di relazionarsi, ma anche di condividere contenuti e saperi. Questo periodo storico è segnato da un nuovo grande e veloce passaggio storico, conseguente alla trasmissione, alla memorizzazione, e al recupero dell’informazione tramite i processi informatici, telematici e digitali. Sono superate oggi le invalicabili categorie dello spazio e del tempo; uno può entrare in contatto con le informazioni che nel mondo si producono ed insieme può confrontarle fra di loro e con quelle del passato. È una profonda rivoluzione che trasforma radicalmente su scala planetaria il panorama sociale, culturale, politico ed antropologico. In questo processo siamo tutti coinvolti. Su questi processi è necessario riflettere per sviluppare nuovi saperi per un nuovo sviluppo ecologico delle relazioni tra i vari sistemi e processi presenti. Il seminario è aperto a tutti gli operatori della cultura e delle comunicazioni sociali, è stato accreditato dall’Ordine dei Giornalisti con due crediti formativi, ha ottenuto il patrocinio dell’Università degli studi di Bari. Ai docenti partecipanti sarà dato un attestato di partecipazione.

Si invita la S.V.