Ti ricordi Cernobyl

  • Stampa




Corato, 15 aprile 2009                                                                     

Comunicato Stampa  

“Ti ricordi Cernobyl ?”

  Il nostro No al Nucleare ricordando il disastro di 23 anni fa   Un dibattito per discutere sulle ragioni del no al nucleare e rilanciare le ragioni del clima, delle rinnovabili e dell’efficienza energetica per costruire un futuro migliore.    

L'industria del nucleare è  in abbandono in tutto il mondo. Dal 1978 non si costruiscono più centrali negli Stati Uniti, la Germania e la Spagna hanno già annunciato il loro programma di dismissione delle centrali nucleari nei prossimi anni. Il perché questi paesi non investono più nel nucleare è dovuto principalmente a tre problematiche tutt’ora irrisolte: a) eccessivi costi per la costruzione delle centrali; b) lo smaltimento delle scorie e per la dismissione degli impianti; c) insicurezza degli impianti.   Per questo, il ritorno al nucleare proposto dal nostro Governo appare quanto mai inopportuno ed inattuale, infatti, mentre tutti i governi del modo a partire da quello degli Stati Uniti, stanno investendo in rinnovabili ed efficienza energetica, il nostro Governo, ha cancellato l’obbligo della certificazione energetica degli edifici, ed ha ostacolato l’approvazione della Direttiva Europea del 20-20-20. Peraltro, le sanzioni di Kyoto sono alle porte visto l’enorme ritardo dell’Italia nella riduzione delle emissioni di gas clima alterati sono aumentati negli ultimi anni del 6,5%.   In questo contesto, è quanto mai necessario fare chiarezza sui rischi del ritorno al nucleare. Non possiamo aspettare l’individuazione dei siti nucleari per opporci a questa scelta. Dobbiamo sostenere il diritto delle popolazioni locali a fare valere la loro opinione soprattutto dopo un referendum in cui gli italiani l’ 8-9 novembre 1987 votarono sui tre quesiti referendari che sancirono la fine del nucleare in Italia con una percentuale dell’ 80%.  Per ribadire questo No dei cittadini e delle comunità locali, Legambiente ha lanciato nel mese di ottobre la Campagna “Per il Clima contro il Nucleare”, lanciando a livello nazionale la proposta di dichiarazione dei territori denuclearizzati, organizzando centinaia di iniziative in tutta Italia per coinvolgere le popolazioni ed i territori nella mobilitazione antinucleare.   A questi temi è dedicato l’incontro-dibattito del 29 Aprile presso la biblioteca comunale”M.R.Imbriani” alle ore 18:30, organizzato dal circolo Legambiente di Corato al quale interverrà Stefano Ciafani, Responsabile scientifico nazionale di Legambiente.   L’Ufficio Stampa   http://www.legambientecorato.it/index.php/notizie/400-per-il-clima-contro-il-nucleare     Il circolo Legambiente di Corato sostiene la realizzazione di  pozzi in Niger nella zona  Gourmancé (sud-ovest). Puoi sosostenere l'iniziativa attraverso bonifico bancario sul conto di SMA SOLIDALE ONLUS, Cod. IBAN: IT57 A061 7501 4170 0000 1838 280, presso la Banca CARIGE Agenzia 117, via Timavo 92/R GENOVA indicando nella causale "per progetto Pozzi in Niger, cod S010". Info:  www.missioni-africane.org