Pedalando con Santi alla riscoperta delle radici

  • Stampa




Pedalando con Santi alla riscoperta delle radici

La manifestazione giunta alla quarta edizione per conoscere e scoprire inforcando una bicicletta spazi e luoghi culturali della nostra città.

Legambiente nel corso degli ultimi anni propone, nel corso della domenica di San Cataldo, una tappa culturale della nostra città, ogni volta diversa, da raggiungere al ritmo lento della bicicletta. È così giunto anche quest’anno il tempo di Pedalando con i Santi, alla sua quarta edizione.

 

L’appuntamento è per domenica 23 agosto, con raduno in piazza Cesare Battisti alle ore 7,30 e partenza entro le ore 8. La destinazione di quest’anno è il dolmen Chianca dei Paladini. Il dolmen, o tomba a galleria, situato in Contrada Colonnelle, è un monumento funerario del XIV sec. a.C. costituito da grandi lastre di pietra poste verticalmente nel terreno e ricoperte da un’ulteriore lastra a copertura. La leggenda vuole che il dolmen di Corato sia stato realizzato da giganti che volevano così sfidarsi e dare prova della propria forza. Il monumento è di proprietà da oltre venti anni della città di Corato.

Tuttavia, in tutto questo tempo, ben poco si è fatto per valorizzazione del sito archeologico che ha intorno circa un ettaro di terreno, sempre di proprietà comunale.

Per poter partecipare alla manifestazione è sufficiente munirsi di una bicicletta di qualunque tipo (il percorso, di circa 10 km, non è particolarmente impegnativo), purché perfettamente funzionante, e sottoscrivere una liberatoria. I minorenni dovranno necessariamente essere accompagnati da un adulto. Si consiglia di dotarsi di una propria borraccia personale e di un lucchetto di sicurezza per bicicletta, così come di un caschetto. Inoltre, i partecipanti, nel corso della manifestazione, sono tenuti a rispettare tutte le norme per la prevenzione del Coronavirus, come essere  dotati di una mascherina e il codice stradale. La partecipazione è gratuita. Gli organizzatori non si assumono alcuna responsabilità per il comportamento scorretto dei singoli partecipanti o di rottura o sottrazione del proprio velocipede. Il rientro è previsto per le ore 10 circa presso la Chiesa Matrice. La manifestazione non è agonistica o sportiva: ha l’obiettivo di far riscoprire al ritmo lento della bicicletta luoghi e spazi della nostra città molto spesso sconosciuti agli stessi cittadini. La manifestazione fa parte del cartellone degli eventi delle Feste Patronali in onore di San Cataldo.

Si ringraziano per la collaborazione: Deputazione Maggiore San Cataldo, Zona Pastorale San Cataldo e il Vicario don Peppino Lobascio, la Misericordia per il supporto dell’autoambulanza di Primo soccorso, il corpo della Polizia Municipale, Pro Loco Quadratum, Archeoclub Corato, Onda d'urto, Pin bike. inoltre, grazie alla preziosa collaborazione dell’associazione culturale “Oltre le radici”, ai partecipanti sarà fatto dono del numero unico del magazine delle terre di Puglia da poter riporre in una sacca gentilmente offerta da Pubbligrafica.