Festa dell’albero in viale Arno

  • Stampa




Festa dell’albero in viale Arno

Legambiente continua la sua attività sul territorio.

Dopo l’iniziativa e l’azione di Puliamo il Mondo lo scorso mese 29  settembre, il circolo cittadino ha voluto dare seguito pensando di dare seguito con un’iniziativa che potesse dare un segno di miglioramento dell’area con la piantumazione di sette alberi.

 

Infatti, sabato 14 dicembre alle ore 9,30 è prevista la piantumazione delle essenze alle spalle dell’istituto scolastico di via Gravina. Tutto questo è stato possibile creando sinergie tra il circolo cittadino di Legambiente, l’Ufficio ambiente ed ASIPU. “ Con questa operazione vogliamo dare seguito- ha dichiarato la presidente Nadia Saltarelli di Legambiente, circolo di Corato- ad un’altra campagna quella di Puliamo il Mondo. In questo modo, vogliamo dare più responsabilità ai cittadini della zona, ad avere attenzione e cura delle piante e dell’area cercando di coinvolgerli in questa attività. Siamo attenti alle periferie come un laboratorio urbano delle sostenibilità. In questo modo, vogliamo dare seguito a tutte le forme di cittadinanza attiva- ha continuato la presidente- come forma di partecipazione dei cittadini. Su questo noi utilizziamo le campagne come una forma di sensibilizzazione sul territorio: infatti, dopo l’iniziativa di Puliamo il Mondo su Via Cassia, l’area ripulita dai cittadini è stata riqualificata dal Comune verso una nuova fruizione dello spazio urbano. Con queste semplici azioni vogliamo dare- ha concluso Nadia Saltarelli- un impulso positivo ai cittadini ed alle istituzioni di considerazione e interessamento di quelle aree della nostra città che hanno bisogno di più interventi per renderle più vivibili e coinvolgere i cittadini in questi processi. Come diceva John Fitzgerald Kennedy:” Non chiederti cosa può fare il tuo paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese”. Su queste motivazioni Legambiente opera sul territorio facendo dell’ambientalismo scientifico e nella partecipazione un bene comune.”