Ferrotramviaria: al momento nessuno spiraglio





Ferrotramviaria: al momento nessuno spiraglio.

Il tempo non porta ad alcuna novità.

Da oltre due anni il nostro Circolo si sta occupando delle problematiche legate al trasporto ferroviario che collega Bari ai principali Comuni del Nord Barese,

 

segnalando problematiche e disservizi che stanno generando un lento ed inesorabile decremento del numero dei viaggiatori lungo la tratta, causando contestualmente l’aumento nell’utilizzo di soluzioni di trasporto maggiormente inquinanti, quale l’uso del mezzo privato. In particolare, ci chiediamo quali siano le reali motivazioni dietro la mancata apertura della tratta Corato-Ruvo e siamo indignati per la carenza di strutture di supporto per i viaggiatori che partono o arrivano a Corato, come pensiline e sale d’aspetto, opere necessarie specialmente nelle giornate invernali, ad oltre due anni dall’avvio del servizio sostitutivo mediante autobus. Da quel che ci è possibile capire, infatti, i lavori sino a Corato sono terminati: ci chiediamo pertanto come mai la Regione non eserciti un’adeguata pressione per la riapertura della tratta o non chieda conto alla Società concessionaria della realizzazione delle parti infrastrutturali ancora mancanti o in fase di sistemazione, nonché dei relativi collaudi infrastrutturali. Al momento sono invece in atto i lavori di raddoppio sulla tratta Corato-Andria con espropri e sistemazione della sede ferroviaria. Anche per questo ci sono stati problemi, a partire dalle autorizzazioni, passando ai tempi per gli espropri, sino ad incidenti nel corso della realizzazione della posa in opera dei binari. Quel che ci preoccupa in particolare è quanto si legge in un comunicato stampa della stessa Società, datato 28 maggio 2018, il quale annuncia che “A lavori ultimati [di raddoppio della tratta Corato Andria] i passeggeri di Andria e Corato potranno tornare a usufruire per il collegamento con Bari del trasporto ferroviario, che oggi è servito da autobus sostitutivi”. Pertanto, stando a questo comunicato, gli utenti coratini dovranno aspettare la conclusione dei lavori sino ad Andria anche per poter tornare ad usufruire dei servizi di trasporto ferroviario sulla tratta Corato-Ruvo. Tutto questo è in palese contrasto con quanto dalla stessa Società annunciato alla pagina dedicata a “Il Grande Progetto” dove si legge testualmente che “Gli interventi saranno attuati per lotti funzionali, in maniera da limitare il disagio all’utenza e garantire fruibilità immediata delle parti di opera di volta in volta realizzati”, come di fatto è avvenuto in occasione dei lavori di raddoppio che hanno interessato altre tratte della stessa linea in anni precedenti, dove l’interruzione del servizio ferroviario è sempre stata temporanea. Il Grande Progetto Completamento dell’adeguamento ferroviario dell’area metropolitana nord-barese per il lotto “Raddoppio ferroviario della tratta Corato – Andria” è stato finanziato a valere sull’azione 7.1 del PO FESR 2014-2020 a carico del bilancio regionale annuale 2017 e pluriennale 2017-2019 (DGR n. 883/2017): ad oggi, tuttavia, non si conosce un preciso cronoprogramma delle opere infrastrutturali con il rischio potenziale di un definanziamento in caso di non completamento nei termini, sulla base di quanto disposto nell’utilizzo dei Fondi Strutturali comunitari. Per il periodo 2014-2020 vale, infatti, la cosiddetta regola “n+3”, per cui le certificazioni alla Commissione devono essere presentate entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello dell’impegno nell’ambito del Programma e né sono previste deroghe per i Grandi Progetti. In caso di definanziamento, questo potrebbe comportare aggravi del bilancio regionale in un periodo già particolarmente complicato per le diverse scadenze elettorali.

La nostra sensazione è che si debba fare di più per il nostro territorio, in vista tra l’altro di importanti appuntamenti come Matera 2019: infatti, l’interconnessione che tornerebbe a fornire la linea ferroviaria ad un territorio di un milione di abitanti provvista anche di un collegamento intermodale con l’aeroporto di Palese resta fondamentale anche per lo sviluppo turistico della nostra realtà territoriale. Auspichiamo una soluzione in tempi certi ed un rilancio del trasporto ferroviario locale.

Informazioni aggiuntive