Incontro con le istituzioni

  • Stampa




Incontro con le istituzioni

Legambiente nel corso di una giornata ha incontrato l’amministrazione comunale e la senatrice Piarulli

Il circolo Legambiente di Corato, all’interno di un approccio integrato, dialogando con tutte istituzioni preposte per trovare insieme le soluzioni alle problematiche socioambientali, nel corso della giornata del 27 luglio, ha incontrato nella mattinata, in sala giunta del Palazzo di Città, l’amministrazione comunale nelle persone dell’assessore Pasquale Tarricone e Nunzia Leo.

 

Il sindaco è stato assente per motivi istituzionali. Nel corso del pomeriggio, la senatrice Piarulli è stata presente nella sede del circolo per approfondire le medesime tematiche. Con l’amministrazione comunale nel corso dell’incontro si sono affrontati i due temi presentati mediante istanza formale: le problematiche relative alla ferrovia e dei pendolari e la situazione dei rifiuti legata alla SANB in liquidazione. La soluzione della ferrovia non sembra vicina, pertanto, è necessario chiedere la riapertura della linea, concretamente non si può fare tantissimo se non parlare del disagio dei cittadini all’azienda di trasporto per la soluzione che era stata paventata nel corso dell’incontro con Ferrotranviaria il 31 marzo 2017: un treno spola Corato_ Ruvo e viceversa per poi effettuare il cambio treno fino a Bari. L’amministrazione per voce dell’assessore all’ambiente Pasquale Tarricone ha detto che si farà carico delle esigenze dei pendolari e di cercare di sollecitare, quanto prima, di una riattivazione della linea. I rappresentanti di Legambiente hanno evidenziato lo stato delle problematiche relative alla presenza dei bus, specie nelle ore di punta che effettuano il servizio sostitutivo, quelli che da Corato vanno a Ruvo e viceversa passano davanti a due scuole: il liceo artistico e la scuola Battisti. L’assessore all’ambiente ha riferito che gli espropri vanno a rilento per la realizzazione del raddoppio della linea Corato-Andria, e questo genera dei rallentamenti nella realizzazione della linea e delle relative infrastrutture annesse. Il timore di Legambiente si basa essenzialmente sul disagio dei pendolari e il ritardo della realizzazione delle opere può eventualmente far perdere il finanziamento dell’intera opera di venticinque milioni di euro della Comunità Europea con rischio che l’intera realizzazione debba essere realizzata con fondi interamente regionali. La questione dei rifiuti legata alla Sanb. Il comune di Corato è socio di una azienda intercomunale per ottimizzare il ciclo dei rifiuti dalla raccolta allo smaltimento con impianti integrati per il riciclo dei rifiuti. Questa SPA, costituita a Corato con atto notarile, stipulato proprio a Corato, il 31 dicembre 2014 con i Sindaci e rappresentanti anche dei comuni di Ruvo, Terlizzi, Bitonto e Molfetta che hanno tutti sottoscritto quote azionarie, ma questa azienda non è mai partita ed è stata messa in liquidazione, chissà con quali prospettive per il sistema integrato della raccolta dei rifiuti. Gli assessori hanno riferito che era in corso un incontro proprio della SANB proprio in altra sala del Palazzo città proprio per il destino della stessa azienda intercomunale. Nel pomeriggio l’incontro con la senatrice Piarulli è stata messa al corrente delle stesse problematiche. La parlamentare ha ricevuto un breve report di Legambiente sulla questione ferroviaria- lo stesso è stato fornito nel corso della mattinata all’amministrazione comunale. Si è mostrata disponibile a collaborare per la soluzione dei problemi mediante la sua attività istituzionale con un’azione integrata tra associazione, territorio e istituzioni. I rappresentanti di Legambiente si sono mostrati disponibili ad affrontare le questioni affrontate in un’ottica di collaborazione interistituzionale senza preclusioni di sorta in un approccio della soluzione integrata dei problemi, noi ci siamo e continueremo su questo versante. Il report consegnato alle istituzioni: http://www.legambientecorato.it/index.php/component/content/article/18-documenti/1010-report-disagio-ferroviario