L’incontro con l’assessore Giannini sulla questione ferroviaria



Incontro con assessore Gianni Giannini


L’incontro con l’assessore Giannini sulla questione ferroviaria

Legambiente all’assessorato dei trasporti regionali per sensibilizzare sulle problematiche in atto

Per la terza volta una delegazione del circolo Legambiente di Corato si è recata in missione sulla questione ferroviaria a Bari nel giro di circa un anno:

 

 

la prima volta il 31 marzo dello scorso anno presso la sede di Ferrotramviaria per parlare dei disagi e dei disservizi insieme ad una delegazione di pendolari, la seconda volta a ottobre già all’assessorato ai trasporti con l’ex assessore al ramo Antonio Nunziante, già commissario prefettizio a Corato negli anni ’90, infine, con l’attuale assessore Gianni Giannini da pochi giorni reincaricato. La delegazione di Legambiente ha presentato brevemente una mappa dei disagi dei pendolari e dell’avanzamento dei lavori specie della tratta d’interesse della nostra comunità. La delegazione ha portato una serie di fotografie che testimoniano il disagio dei pendolari, nonché il cantiere che impedisce anche di usufruire di una semplice sala di aspetto, utilissima nei giorni di solleone o di maltempo. L’assessore non ha preso nessun impegno preciso, ma ha, piuttosto, manifestato la preoccupazione di intensificare la realizzazione dell’infrastruttura ferroviaria con tutti i servizi e sottoservizi nei tempi stabiliti perché i rischi sono seri: la perdita dei finanziamenti europei con le conseguenze annessi, con la difficoltà della stessa Regione eventualmente a rifinanziarla nell’importo necessario. Per espletare tutti i lavori utili è fondamentale la collaborazione delle amministrazioni locali per fornire le autorizzazioni e il supporto per la realizzazione dei lavori infrastrutturali specie per i comuni di Andria e barletta. L’assessore Giannini ha parlato dell’impegno della regione nel campo dei finanziamento e sostegno nell’acquisto di nuovi locomotori per le Ferrovie sud est e di nuovi bus per il trasporto intercomunale. La nostra impressione è che per quanto riguarda i lavori ferroviari sia in mano della Ferrotranviaria con dati ed informazioni generici sull’avanzamento dei lavori, o sulla situazioni di sviluppo della realizzazione dell’infrastruttura. I rappresentanti del circolo hanno presentato una mappa sinottica del disagio come l’utilizzo dei bus, le coincidenze e le carenze del servizio, nonché l’incremento dell’inquinamento e del traffico specie nelle ore di punta. L’assessore ha mostrato la preoccupazione anche nella necessità della realizzazione di Ufficio regionale Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie (ANSF). Questo è l'organismo indipendente creato in Italia con sede a Firenze per regolamentare la sicurezza della circolazione ferroviaria sulla rete nazionale, vigilare sull'applicazione delle norme, rilasciare autorizzazioni, certificazioni ed omologazioni alle imprese e ai gestori delle infrastrutture ferroviarie operanti in Italia. La creazione di un Ufficio decentrato regionale permetterebbe l’omologazione più celere di vetture ferroviarie e il controllo di qualità del sistema ferroviario: dalla progettazione al funzionamento fino all'entrata in sevizio dei treni. Ci ha meravigliati che l’assessore e i tecnici non fossero al corrente sullo stato di avanzamento dei lavori che sono completamente gestiti da Ferrotramviaria, dalla mancanza di controllo sulla qualità del servizio sostitutivo, dello stato delle infrastrutture di supporto come la situazione della stazione di Corato carente di una sala di aspetto e di una pensilina. Legambiente continuerà a seguire la situazione per tutelare gli interessi pubblici e diffusi per la tutela dei cittadini e dei pendolari.

Tutta la documentazione fotografica sarà pubblicata sulla pagina Facebook di Legambiente circolo di Corato.

Informazioni aggiuntive